Specialista
in Chirurgia Plastica

Sarebbe facile asserire che ciò che mi ha spinto a scegliere Medicina sia stato l'ammirare la passione che ogni giorno mio padre, dottore in medicina interna - reumatologia, metteva nel rapportarsi con pazienti e lavoro; la sua continua voglia di migliorare per il bene altrui; il suo desiderio di dare a tutte le persone che gli si affidavano il massimo, ottenendo in cambio quel “grazie” che gli illuminava lo sguardo.
Ma sarebbe solo un lato della medaglia.

 
.

Andandolo a trovare, mi capitava di venire a contatto anche con persone che affrontavano un dolore diverso, quello che subentra nel post-operatorio, quando le vite non sono più in pericolo, ma i corpi portano i segni di quanto passato. Ricordo che fin dalla pre-adolescenza iniziai a pensare a quanto l'aspetto psicologico fosse importante. Non sono mai stato appassionato della mente umana tanto da dedicarmi a tali studi, ma già all'epoca pensai che il cercare di rimuovere quelle cicatrici, potesse in qualche modo suturare le ferite dell'animo. Così ho deciso. Finita la maturità andai da mio padre e gli annunciai che mi sarei votato all'estetica, nel senso più nobile del termine: sarei divenuto un chirurgo plastico e lo avrei fatto distinguendomi, per essere tra i migliori...

 

GENERALE

La Liposuzione è una operazione di modellamento che può interessare varie parti del corpo. Tramite una cannula ispiratrice, l'adipe in eccesso viene eliminato. Caratteristica principale è che nella zona in cui si è effettuato l'intervento il grasso non andrà più a formarsi. Ma se ciò è certamente un vantaggio, è necessaria comunque un'attenzione particolare al proprio regime dietetico poichè gli adipociti residui potrebbero accumulare grasso, deteriorando i benefici della liposuzione, e soprattutto, le parti non soggette ad intervento continuerebbero ad aumentare creando sproporzione nella zona.
 
La liposuzione, infatti, non ha quale obiettivo la riduzione del peso. Anche se questo ne è conseguenza, il fine è quello di armonizzare il profilo su pazienti non in sovrappeso. Inoltre, in taluni casi, tale tecnica è sconsigliabile, in particolare ove i tessuti su cui si dovrebbe agire non siano sufficientemente elastici. Procedere in una situazione simile, provocherebbe uno svuotamento con conseguente effetto cadente della pelle.
Il grasso asportato può essere iniettato in altre zone del corpo, come ad esempio il seno, per armonizzare l’intera figura o corregge un ulteriore particolare estetico.

In questa particolare tecnica il laser sostituisce l'utilizzo del bisturi apportando grandi vantaggi durante l'intervento: precisione millimetrica delle incisioni; sterilità dello strumento; coagulazione contemporanea alla recisione dei tessuti.
 
In particolare, il laser viene utilizzato per:

  • Eliminare difetti ed inestetismi della pelle
    • dermatologici: cancellare angiomi, rimuovere cisti, verruche, fibromi, condilomi, nevi e neoformazioni benigne, cancellare tatuaggi, macchie della pelle, iperpigmentazioni e lesioni pigmentate quali macchie senili e solari, couperose, rosacea ed eritrosi
    • vascolari: teleancectasie e capillari, varici e micro-varici, ed il laser endovenoso EVLT può sostituire, in alcuni casi, la sefenectomia
  • eliminare le rughe di volto, occhi e labbra e le smagliature
  • ringiovanire la pelle del volto
  • trattare cicatrici
  • effettuare depilazione definitiva per esigenze estetiche o patologiche quali l'irsutismo

Le cicatrici possono avere diversa natura Il primo tipo comprende tutti quei segni “fisiologici” post guarigione che con il tempo vedono la pelle schiarirsi e lo spessore ridursi naturalmente. Il secondo è il risultato di patologie e comprende:

  • ipotrofiche. Dovute a patologie particolari come il diabete o ad una situazione localizzata che non permette la corretta guarigione. Sono morbide, avvallate e sottili.
  • ipertrofiche. Normalmente causate da eventi sfavorevoli avvenuti durante il periodo di guarigione, come nel caso di infezioni, sono spesse, di colore rosso, facilmente infiammabili.
  • Cheloidi. Simili a quelle ipertrofiche, la loro dimensione spesso supera quella della ferita originale da cui si sono sviluppate. Sono spesso frutto di una predisposizione individuale e possono comparire anche in caso di piccole lacerazioni
Ogni cicatrice deve essere trattata in modo diverso e prevede un iter di guarigione che va rispettato secondo le indicazioni del chirurgo che effettua la correzione.

Il Lipofilling è un metodo naturale utile a definire specifiche aree del corpo e viene spesso utilizzato al posto delle invasive protesi mammarie per aumentare del volume del seno. La tecnica consiste nell'aspirare il grasso da zone che ne abbiano in eccesso per poi iniettarlo in qualsiasi altra regione corporea.
 
Il vantaggio più evidente è l'impossibilità di sviluppare allergie e di individuare l'intervento chirurgico. Spesso sono necessarie diverse sedute per raggiungere il risultato prefissato. E' infatti necessario rispettare determinati dosaggi massimi da re-iniettare nella zona da trattare.

Il trattamento con Fili Riassorbibili è un'innovativa tecnica ambulatoriale che non richiede alcuna incisione grazie a piccoli aghi che permettono l’introduzione dei fili in sede ipodermica.
In particolare, la tecnica dei Fili di Biostimolazione permette di eliminare i primi segni di invecchiamento come micro – rugosità, rughe sottili o cedimento cutaneo leggero, stimolando le formazioni di nuovo collagene ed elastina nel derma.

Avendo cura di limitare al minimo la formazione di cicatrici post – rimozione, si interviene chirurgicamente per asportare nei, cisti, verruche, lipomi, cheratosi, epiteliomi e melanomi con sutura possibilmente intradermica. In alcuni casi è possibile avvalersi dell’utilizzo del laser.

Il Filler è una sostanza iniettabile utile a correggere imperfezioni della pelle, ritoccare inestetismi del viso e ripristinare i volumi perduti. In particolare, viene utilizzato per:

  • Colmare e livellare le rughe del contorno occhi e della bocca
  • Aumentare/rimodellare il volume di labbra sottili
  • Correggere solchi naso-labiali e rughe di espressione
  • Migliorare forma ed aumentare il volume di zigomi, mento e fronte
  • Eliminare cicatrici lasciate da acne o da interventi chirurgici
I trattamenti più noti riguardano:
  • Acido iarulonico Già presente nello strato intermedio della pelle, la mantiene morbida ed elastica. Con il tempo l'Acido Ialuronico diminuisce, ma i filler prodotti sinteticamente ne costituiscono una valida alternativa presentandosi come sostanza praticamente identica a quella naturale;
  • Rediesse. Composto da piccoli cristalli a base di calcio sospesi in un gel a base di acqua, viene utilizzato per le linee del sorriso e quelle fra bocca e mento ed è in grado di stimolare il corpo a produrre il proprio collagene per un effetto a lungo termine;
  • Radis (Idrossiapatite di Calcio). E' un filler che aiuta la pelle a produrre un proprio collagene nel tempo.
  • Terapia Plasma e Piastrine. Di più raro utilizzo, è un'alternativa per il trattamento di rughe, zampe di gallina, cicatrici, ringiovanimento della pelle del collo ed eliminazione delle borse sotto agli occhi. Prelevato il sangue dal paziente ed inserito in una provetta, grazie ad una centrifuga piastrine e fibrina dalle cellule del sangue vengono separati. Successivamente, le piastrine vengono iniettate nella pelle per innescare la crescita di collagene e cellule.
  • Lipofilling. Consiste nel trasferimento di grasso autologo. L'adipe viene prelevato da parti del corpo quali glutei ed addome e re-iniettato dove utile al riempimento

L'infiltrazione di Tossina Botulinica è il trattamento ideale chi presenti segni di “stanchezza” sul volto come abbassamento del sopracciglio e rughe frontali e perioculari. Meglio nota come “botox”, la tossina svolge un'azione mirata e limitata, bloccando temporaneamente la contrattilità dei muscoli mimici facciali senza interferire con altri eventuali trattamenti di ringiovanimento del viso, come ad esempio laser resurfacing, peeling e filler.

L'iperidrosi è un eccesso di sudorazione che supera il naturale bisogno di termoregolazione corporea. In taluni casi, la Tossina Botulica può limitare il problema di sudorazione ascellare favorendo il blocco delle terminazioni nervose che attivano le ghiandole sudoripare.

Il Peeling è un trattamento volto a levigare e migliorare l'aspetto della cute. L’effetto di ringiovanimento facciale che ne consegue è dovuto alla stimolazione della rigenerazione cellulare ottenuta rimuovendo ed esfoliando le cellule morte dello strato corneo e determinando una vera e propria accelerazione del naturale ricambio cellulare. Elimina inoltre le cellule danneggiate e degenerate favorendone la sostituzione con cellule epidermiche normali ed attiva la produzione di collagene ed elastina.

La Biostimolazione fornisce alla pelle sostanze utili a prevenire o combattere l'invecchiamento. Stimolando la produzione di Acido Ialuronico Endogeno, favorisce l’idratazione cutanea e riequilibra i vari componenti del derma aumentando la produzione fibre di sostegno, collagene ed elastina. Ideale nel periodo estivo perché le sostanze iniettate combattono i danni dell’esposizione solare.

Questa tecnica utilizza il sangue del paziente che viene prelevato e centrifugato fino a che si separa in tre strati: plasma povero di piastrine (PPP), plasma ricco di piastrine (PRP) e globuli rossi. Per la Biostimolazione della pelle fino si utilizzano microiniezioni di materiali eterologhi: Acido Ialuronico, vitamine, ribonucleotidi, aminoacidi… che garantiscono ottimi risultati, ma provengono da sostanze esterne al corpo, sintetizzate. Con la tecnica del PRP invece, il ringiovanimento della pelle attraverso la stimolazione della rigenerazione cutanea è garantito dall’uso delle piastrine di chi si sottoponga al trattamento. I fattori di crescita contenuti nelle piastrine stimolano diversi meccanismi cellulari e la sintesi del collagene, richiamando o riattivando le cellule staminali presenti nella zona trattata e migliorando lo stato della pelle.

La Follicolite è un'infezione acuta del follicolo pilifero che si presenta sotto forma di brufoli piccoli e bianchi. Nella maggior parte dei casi è superficiale e causa prurito, spesso scompare da sola nel giro di alcuni giorni, ma a volte si cronicizza e può essere necessario intervenire. Il metodo più utilizzato è l'epilazione definitiva con laser.

CONTATTI